Cos'è un s.a.a.s.?

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

S.A.A.S. Acronimo palindromo. Affascinante. Ma che cosa vuol dire?Volgarmente parlando viene definito “servizi in cloud” ed è un sistema diverso da quello che andava per la maggiore prima del Millenium Bug (ve lo ricordate il Millennium Bug? Sembra secoli fa…) e che veniva definito dall’acronimo A.S.P., cioè Application Service Provider.

S.A.A.S. significa Software-as-a-Service ed è una struttura di distribuzione di un programma (software) attraverso un server centralizzato al quale l’utente si collega (quasi sempre) via Internet e usando un browser (Chrome, Safari, Edge…) come interfaccia.

Caratteristiche S.A.A.S
– l’interfaccia, come già detto, è browser
– il fornitore del software è spesso colui che l’ha sviluppato
– multi-tenant: esiste una sola applicazione che viene usata anche in contemporanea da più utenti.

Un dato significativo: il 20% del fatturato legato ad un particolare software e ai servizi ad esso collegati provengono dalla sua versione SAAS. Niente male. Anzi, nel giro di pochi anni, si prevede che questa percentuale salirà fino a toccare il 50%! Il modello SAAS è da considerarsi quindi un modello vincente!

Vantaggi S.A.A.S.:

risparmio: l’utente non deve gestire una spesa elevata per l’acquisto o l’implementazione del software. È vero, si paga un abbonamento, ma è comunque un esborso meno importante rispetto all’acquisto ed è garantita la manutenzione e l’implementazione del prodotto.

– maggiore regolarità negli aggiornamenti, sia per i produttori, sia per gli utenti. La conseguenza, non banale, è che tutti gli utenti usano sempre la versione più aggiornata e quindi migliore dell’applicativo.

app store di terze parti che offrono plug-in, skin o implementazioni (gratuite o a pagamento) che “piegano” il prodotto intorno alle necessità dell’utente.

– la potenza di calcolo e storage offerta dalla casa produttrice può essere più elevata di quella che un utente si potrebbe permette a casa.

Svantaggi S.A.A.S.:

  • I dati aziendali, benchè protetti, sono ubicati nel data center della casa produttrice del software. Questo potrebbe essere considerato da parte di alcune aziende, un rischio per la privacy. Altre aziende, usando questi software, violerebbero alcune norme di settore (PA, sanità, difesa…)
  • Scarsa integrazione con applicativi interni e non in cloud
  • Sembra una banalità, ma è giusto ricordare che si può accedere a questi tipi di software con una connessione buona e stabile. Una connessione “ballerina” inficia gran parte di un SaaS

Hubspot è sicuramente uno dei migliori S.A.A.S. per la gestione dei clienti e dei prospect.

Prenota la tua consulenza gratuita ed inizia subito a crescere insieme a noi​.

Prenota una chiamata con un nostro consulente.​
Andrea Lasagna

Andrea Lasagna

Mi occupo di comunicazione e marketing dalla fine dagli anni ’90, prima studi scientifici, una laurea in economia aziendale e un master UPA alla Cà Foscari. Mi sono fatto le ossa in Publitalia e in diverse agenzie a studiare i media, a incrociare numeri e dati per ottimizzare gli investimenti in comunicazione per trarre il massimo da ogni singolo euro investito dai clienti. Ho avuto il piacere di lavorare con grandi realtà ed eccellenze industriali nei settori più disparati. Dal 2007 in FC Media affianco manager ed imprenditori per cambiare la strategia di sviluppo del business delle loro aziende e i loro processi di vendita, accompagnandoli lungo un processo di digital transformation. Con i miei collaboratori coniughiamo azioni di digital marketing con soluzioni offline, portando avanti la metodologia dell’Inbound Marketing per generare e profilare contatti, qualificarli commercialmente e trasformarli in clienti, stabilendo relazioni gratificanti di lungo corso con i nostri clienti. Sono nato Torino classe 1973, lavoro a Milano e Brescia ma vivo a Mantova, la città che sento “mia” e dove faccio di tutto per tornare ogni sera per godermi la mia famiglia. Ho la grande fortuna di amare il mio lavoro che riesce a tirare fuori il meglio di me. Non si può vivere di solo lavoro e nel tempo libero, ahimè sempre meno, amo soffrire spingendo i pedali di una bicicletta sognando di volare in salita come Pantani e sul pavé come Tom Boonen.

Lascia un commento

Altri articoli che
possono interessarti

buyersjourney

Idee di contenuto per ogni fase del Buyer’s Journey

Tutti i tuoi potenziali clienti attraversano un processo che parte con l’identificazione di un problema prosegue con la valutazione delle opzioni che potrebbero aiutare a risolverlo e si conclude con la risoluzione definitiva di questo. Questo percorso viene chiamato Buyer’s Journey.

Leggi Tutto »